Banking the Unbanked è un'opportunità da $ 380 miliardi

Banking the Unbanked è un'opportunità da $ 380 miliardi

L'infografica di oggi proviene da Raconteur e esamina l'opportunità di fornire servizi finanziari alla popolazione di persone non bancarie nei mercati emergenti. Visualizza la versione a grandezza naturale della grafica per una migliore risoluzione.

Per quelli di noi che vivono in Nord America o in Europa, generalmente diamo per scontato l'accesso quasi universale che abbiamo ai servizi finanziari.

Certo, ci sono molte persone che hanno domande o dubbi sul modo in cui operano le banche centrali e le valute, ma anche i più scettici di queste persone probabilmente tengono dei soldi in una banca o in un conto di investimento. È conveniente, facile e facilita altre transazioni economiche.

Ma ci sono miliardi di persone nel mondo che non hanno questa opportunità. Questa popolazione ‘senza banche’ paga l'affitto e le merci in contanti e di solito non ha facile accesso a cose come un conto in banca, un'assicurazione, investimenti o pensioni.

Dove sono gli Unbanked?

La Banca mondiale dispone di dati provenienti da 160 paesi su questo argomento ed è chiaro che ci sono alcuni buchi piuttosto significativi che possono essere colmati, sia da istituzioni finanziarie che da società fintech, che sono disposte a correre il rischio.

La maggior parte della popolazione mondiale senza banche vive in aree altamente rurali e sottosviluppate come l'Africa subsahariana e l'Asia centrale. In paesi di queste regioni, come il Turkmenistan (dove solo l'1,8% ha un conto in banca) o il Niger (il 3,5% ha un conto), l'attività bancaria è in gran parte sconosciuta alle masse.

Un'opportunità multimiliardaria

Ma l'opportunità risiede in un paese senza banche come il Turkmenistan? Non proprio, perché ha solo cinque milioni di abitanti, quasi il 60% di disoccupazione e un regime particolarmente repressivo. È molto rischioso assumersi per un guadagno estremamente basso.

Tuttavia, le economie emergenti dell'Asia-Pacifico e dell'America Latina/Caraibi sembrano una scommessa potenziale molto più sicura per gli aspiranti fornitori. Mentre percentuali minori della loro popolazione non hanno accesso ai servizi finanziari di base, la loro popolazione complessiva e livelli di reddito più elevati li rendono una scelta più fattibile.

Nell'area Asia-Pacifico, la Banca mondiale vede l'aumento della penetrazione bancaria come un'opportunità da 79 miliardi di dollari per il personal banking di individui con meno di 8.000 dollari di reddito annuo. Allo stesso modo, vede un'opportunità di $ 95 miliardi nel settore bancario di micro e piccole imprese nella regione.

Per l'America Latina e i Caraibi, l'opportunità è simile: $ 34 miliardi per il personal banking (meno di $ 8.000 di reddito) e $ 81 miliardi per le micro e piccole attività bancarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *